Senza categoria

Come e perchè Igienizzare il Punto Vendita nella fase 2

photo of woman near clothes
Photo by Burst on Pexels.com

Di seguito un articolo interessante per chi vuole conoscere:

1 Come sarà la Fase 2

2 Che cosa vuol dire igienizzazione?

3 Come igienizzare

retail/coronavirus-fase-2-igienizzazione-

Senza categoria

Qual è la strategia ideale per il tuo negozio?

Sin da piccoli ci hanno insegnato a guardare in casa nostra, a chiuderci e tirare dritto per la nostra strada. Nel mondo del lavoro poi abbiamo imparato a seguire la scia del più forte, se vende di più, sarà più bravo… Sbagliato e Sbagliato!

La verità è che la strategia migliore per avere successo nel nostro settore è quella di posizionarsi nella mente dei consumatori. I clienti sono confusi, iperstimolati ed annoiati. Possono avere tutto ovunque…oppure no?

Cosa puoi dare al mercato che gli altri non danno?

Ti faccio un esempio:

Il competitor A vende Coca Cola, il competitor B invece Pepsi. Che senso ha vendere la Virgin Cola copiando la loro strategia? Non sarebbe invece il caso studiare i tuoi due rivali e capire dove posizionarti in base al loro punto debole: sono bevante che fanno male alla salute e fanno ingrassare. Bingo! Ti converrà vendere una bevanda salutare e promuoverne le qualità nella tua comunicazione.

La miglior strategia per il tuo negozio è quella di differenziarsi dalla concorrenza e promuovere i tuoi punti di forza facendo leva sulle debolezze dei tuoi rivali (in maniera etica naturalmente).

Cassano Rappresentanze

vendere-di-più-in-negozio

 

Fashion Marketing, Marketing 4.0, Marketing del Punto Vendita, Senza categoria

Conosci il linguaggio dei tuoi clienti?

errori-italiano-perdonati-crusca-300x200.jpg

Vi racconteremo un esempio comico del perché conoscere il linguaggio dei nostri clienti è fondamentale.

Una famiglia inglese, in gita di piacere, visita una graziosa casetta di proprietà di un pastore protestante, che sembra particolarmente indicata per le prossime vacanze estive e decidono di affittarla. Tornati a casa però ricordano di non aver visto i servizi igienici e scrivono al pastore la seguente lettera: “Egregio pastore, siamo la famiglia che alcuni giorni fa ha stipulato il contratto di affitto per la casetta di campagna, ma non abbiamo visto il W.C. Voglia cortesemente illuminarci a proposito”.

Ricevuta la lettera il pastore equivocando sull’abbreviazione e credendo si trattasse della cappella anglicana Wesley Chapel risponde così: “Gentili signori, ho molto apprezzato la vostra richiesta ed ho il piacere di comunicare che il luogo che Vi sta tanto a cuore si trova a circa 12 km dalla casa, il che può risultare scomodo a chi è abituato ad andarci spesso. Chi ha l’abitudine di trattenersi molto per la funzione può tranquillamente portarsi da mangiare, in modo da poter rimanere sul posto tutta la giornata. Il luogo si può raggiungere a piedi, in bicicletta o in macchina. E’ preferibile andarci per tempo per non disturbare gli altri. Nel locale c’è posto per 50 persone a sedere e 100 in piedi, i bambini siedono vicino agli adulti e tutti cantano in coro. All’entrata danno un foglio di carta e chi arriva in ritardo si serve del foglio del vicino. I fogli di carta devono essere utilizzati anche la volta successiva, per almeno un mese. Vi sono amplificatori per i suoni affinché si possano sentire anche all’esterno. Tutto quello che si raccoglie viene dato ai poveri. Ci sono fotografi specializzati a fotografare i presenti in tutte le posizioni, in modo da realizzare un album fotografico da esporre in bacheca. Io sarò lì tutti i giorni, mi auguro d’incontrarvi e di partecipare e donare tutti insieme.

Distinti Saluti

Fashion Marketing, Senza categoria

I negozi 4.0: non si torna indietro

“Il Retail 4.0 è l’ultima frontiera della distribuzione multicanale (o omnicanale). I diversi format sfruttano il mondo fisico e il mondo virtuale, il cloud e la mobility, scegliendo sempre più spesso soluzioni ibride e convergenti. Si compra online e si ritira in store, si sceglie in store e se la merce non c’è si ordina online, si acquista in rete ma se l’oggetto non piace si va in negozio a restituirlo. I negozi, sempre più connessi e comunicanti, offrono ai clienti varie formule per consultare le informazioni online: totem, tablet, specchi e pareti interattive ma anche app e soluzioni come Qr code e beacon.”

Scopri di più su: https://www.economyup.it/retail/retail-4-0/

retail40.713x365